Golf: attivi nella sostenibilità

In Svizzera, i campi da golf coprono una superficie complessiva di 42 km2.

Compensazione ecologica: definizione e quadro legislativo

I rough rappresentano tra il 25 e il 30 per cento di un campo da golf. La loro manutenzione si limita in genere a semplici falciature, più o meno frequenti a seconda della stagione. I fairway occupano un’area leggermente meno estesa rispetto ai rough, benché sempre tra il 25 e il 30 per cento della superficie del campo.

La loro manutenzione è però più intensiva: durante il periodo di concimazione possono essere falciati da 0 a 4 volte alla settimana. Se necessario, i club possono anche ricorrere a trattamenti fitosanitari o scegliere di irrigare i fairway in modo ridotto e mirato.

I tee (pari al 2 per cento della superficie totale di un campo da golf) ricevono una manutenzione simile a quella dei fairway. Anche i green rappresentano solo il 2% della superficie di un campo da golf, ma sono oggetto delle maggiori attenzioni da parte dei greenkeeper, che durante l’alta stagione possono rasarli e irrigarli anche quotidianamente. A queste attività si aggiungono interventi meccanici e, ove necessario, l’uso di prodotti fitosanitari. A tale proposito, è interessante osservare che l’80% dei trattamenti fitosanitari si concentrano appena sul 4% dell’area di un campo da golf (green e tee)!

Regola dei tre terzi

È interessante anche constatare che maggiore è la superficie totale di un campo da golf e più grandi diventano le sue aree naturali. Del resto non avrebbe molto senso ingrandire all’infinito i green, i fairway o i tee.

In Svizzera si tende ad una ripartizione che segue la cosiddetta regola dei tre terzi:
 
  • al massimo 1/3 della superficie totale del terreno occupato da un prato intensivo (green, tee, fairway) e da costruzioni (edifici, strade, bunker),
  • al massimo 1/3 della superficie totale occupato da rough, ossia da prati estensivi e/o arbusti, ma non da tappeti erbosi semi-intensivi,
  • minimo 1/3 della superficie totale occupato da ambienti e biotopi naturali (superfici ad alto valore ecologico).

Un campo da golf è costituito per il 40 per cento da ambienti naturali e per il 30 per cento da rough, dunque per il 70 per cento da superfici pressoché prive di intervento umano!